Guida alla città di Berlino
Metropolitana, informazioni, musei e monumenti

Vacanza a Berlino e currywurst : diario di viaggio

Io non sono un uomo che ama particolarmente viaggiare ma quando si ha un'amica casinista che non cede non si ha altra scelta che acconsentire e fare da visitatore/accompagnatore della nuova avventura.

vacanza a berlino e currywurst diario di viaggio

Volo per Berlino

Il giorno tanto atteso da entrambi è giunto ed ecco che siamo volati a Berlino con un po' di timore che, durante il viaggio ci fossero delle anomalie, invece con nostro sollievo andò tutto per il meglio.

Alcune info sui biglietti

Una volta scesi abbiamo deciso di comprare subito l'abbonamento settimanale che ci ha permesso di poter usare illimitatamente i mezzi pubblici quali la BVG per un totale di 35,60€, sapendo che poi però si poteva usare anche la metro U-bann, la metro in superficie S-bann, i numerosi autobus, i treni regionali oppure anche il tram.

Per poter trovare la biglietteria non è stato difficile visto che essa è di colore giallo e presenta inoltre la scritta a caratteri cubitali, dopo abbiamo deciso di prendere il bus per poter raggiungere il nostro hotel ed è già pomeriggio, decidiamo quindi di visitare i negozi che troviamo aperti e colmi di persone.

Dopo esserci persi, ci dirigiamo veramente verso la Porta di Brandeburgo che troviamo ricca di turisti che ammirano la cattedrale Berlin Dom dove decidiamo di fare qualche scatto

Andiamo poi a visitare il Memoriale dell'Olocausto dove ci sono una serie di pilastri di altezze differenti che simboleggiano le numerose vittime della Shoah. Visto l'orario decidiamo di andare a mangiare all'Augustiner am Gendarmenmarkt, qui decido di mangiare il ben noto stinco di maiale mentre lei prende una tagliata di carne con un contorno di purè. Una volta finita la cena torniamo nell'hotel a riposare.Il giorno seguente dopo aver fatto colazione acquistiamo la Museum Pass che è una card al prezzo di 24€ che permette a tutti di poter accedere ai musei gratuitamente per tre giorni.

Visita alle attrazioni principali

Camminiamo e ci troviamo nel Checkpoint Charlie dove si possono vedere dei resti di muro con alcuni murales dove c'erano anche due figuranti vestiti da soldati alleati che si facevano immortalare in alcuni scatti ma a pagamento.

Visitiamo poi il Jewish Museum che è strutturato in differenti assi che si incrociano tra loro, dov'è possibile vedere tutte le testimonianze degli ebrei che sono sopravvissuti al nazismo ed anche alle deportazioni. Una delle aree molto toccanti è quella della Torre dell’Olocausto che è buia, dove, una volta entrati e chiusa la porta di ingresso, l’unica luce è data da una piccola finestra posta nella parte superiore che è del tutto impossibile da raggiungere denotando subito che non vi è alcuna speranza di fuga.

La sera osserviamo ancora dei negozi qua e la e poi decidiamo di andare a mangiare il currywurst, che la mia amica continuava a nominare ormai non so da quanto. Ci dirigiamo quindi al Curry63 per assaggiare questi megawurstel al curry accompagnati da patatine fritte ed un pezzo di pane con i semi di sesamo al prezzo economico di soli 4€ a testa, un vero risparmio per due squattrinati come noi. La mattina dopo ritorniamo a casa, tristi per la brevità della vacanza ma felici per i bellissimi monumenti visti.